Włoski – Harry Potter e il prigioniero di Azkaban – capitolo 1

 

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

 

Capitolo 1 Posta via gufo.

 

niebieski – nowe słówka zielony – zwroty czerwony – gramatyka Harry Potter era un ragazzo insolito <niezwykły>, sotto molti punti di vista. Prima di tutto, odiava <oddiare- nienawidzieć> le vacanze estive, più di qualunque altro periodo dell’anno. Poi voleva davvero fare i compiti, <odrabiać pracę domową> ma era costretto a studiare di nascosto <w ukryciu>, nel cuore della notte. E per giunta <na dodatek, dodatkowo> era un mago

 

Era quasi mezzanotte, Harry era steso sul letto <stendere (steso) – rozciągać, rozpinać>, a pancia in giù <brzuchem do góry, na plecach>, le coperte tirate <tirare – naciągnąć> sulla testa, come la tenda <namiot>, una torcia <latarka> in mano, e un grosso libro rilegato in pelle, <rilegare (rilegato) – oprawiać> Storia della magia di Adalbert Incant, aperto e appoggiato al cuscino. <appoggiare (appoggiato) – opierać>

Feceva <kazać, zmuszać> scorrere <scorrere- przebiegać> la punta della penna d’aquila <pióro orła> sulla pagina, aggrottando le sopracciglia, <marszcząc brwi> alla ricerca di qualcosa che potesse <conjungtivo> aiutarlo <pomóc mu> a scrivere il tema: Perché i roghi di streghe <il rogo – stos, ile strega – czarownik> nel Quattordicesimo Secolo, erano completamente inutili.

 

La penna s’est arrestata <arrestare – zatrzymywać> all’inizio di un paragrafo promettente. Harry s’est spinto su <spingere su – zsunąć> per il naso gli occhiali rotondi, a avvicinato la torcia al libro e a letto: Nel Medioevo, i non-maghi, comunemente <zwykle> noti come Babbani, nutrivano  un particolare timore <nutrire un timore per – żywić obawę o> per la magia, ma non erano molto abili nel riconoscerla.

Nelle rare occasioni in cui catturavano <catturare (catturato) – chwytać, łapać> una vera strega, o un vero mago, i roghi non avevano comunque alcun effetto.

La strega, o il mago eseguivano <eseguire – wykonać> un semplice Incantesimo <czar> Freddafiamma, e poi, fingevano <fingere (finto) – zmyślać, udawać>  di urlare <krzyczeć>  di dolore, mentre in realtà provavano <provare – próbować, odczuwać> una piacevole sensazione di solletico. <solleticare, il solletico – łaskotanie>

 

Guendalina la Guercia era così contenta di farsi bruciare, che si lasciava catturare <lasciarsi catturare – dać się złapać> non meno di quarantasette volte sotto vari travestimenti <sotto travestimento – pod przebraniem>. Harry s’è infilato <infilarsi – wkładać> ,la penna tra i denti, et a frugato <frugare (frugato) – szperać> sotto il cuscino in cerca dell’inchiostro <atrament>, e di un rotolo <zwój> di pergamena.

Lentamente e con molta attenzione ha stappato la boccetta <stappare (stappato) – odkorkować / buteleczka>, vi ha intinto <intingere – maczać> la penna, et a cominciato a scrivere, interrompendosi <zatrzymując się> ogni tanto per tendere l’orecchio. <nastawić ucha> Perché <tryb warunkowy> se uno dei Dursley andando in bagno avesse sentito <congiuntivo imperfetto> lo scricchiolio <skrzypienie> della penna, probabilmente Harry, si sarebbe ritrovato <condizionale presente> chiuso nel ripostiglio <komórka, składzik> del sottoscala <podschodami>, per il resto dell’estate.

 

La famiglia Dursley di Privet Drive numero 4, era il motivo per cui Harry, non si era mai goduto <str. bierna / godersi – cieszyć się>  le vacanze estive.

Zio Vernon, zia Petunia e il loro figlio Dudley, erano i suoi unici parenti <krewni> , tutti e tre Babbani, e con un atteggiamento <postwa, nastawienie>  davvero medioevale nei confronti della <w stosunku do> magia.

I genitori scomparsi <scomparire – znikać, ginąć> di Harry, una strega e un mago, non <str. bierna z venire> venivano mai nominati <wymienieąć, wspominać> sotto il tetto dei Dursley, e per anni zia Petunia e zio Vernon, avevano tiranneggiato <tiranneggiare – tyranizować> Harry in tutti i modi <na wszelkie sposoby>, nella speranza di soffocare <soffocare (soffocato) – dusić, dławić> in lui, ogni scintilla <iskra> di magia.

Con loro grande scorno <wstyd> avevano fallito, e in quei giorni <w tamtych dniach> vivevano nel terrore che qualcuno scoprisse <scoprire (scoperto) – odkryć> , che Harry <trep. pros.> aveva trascorso gran parte degli ultimi due anni, alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts.

 

Il massimo che potevano fare comunque, era mettere sotto chiave i libri di incantesimi, <le incantesimo – czar, zaklęcie> la bacchetta <pałeczka, różdżka> magica, il calderone <kocioł>, e il manico di scopa <miotła> di Harry, sin <do> dall’inizio delle vacanze estive, e proibirgli <probire + gli – zakazać mu> di parlare con i vicini <sąsiedzi>.  Il sequestro <sequestrare – konfiskować> dei libri era un autentico problema per Harry, dal <da il> momento che aveva da fare un sacco di compiti <un sacco di – ogromna ilość> per le vacanze.

Tra l’altro, l’insegnante <nauczyciel> meno amato da Harry, il professor Piton, gli <trep. pros.> aveva assegnato <assegnare – przydzielić> un tema particolarmente <szczególnie> difficile sulle Pozioni <il pozione – lekarstwo w płynie, eliksir> Restringenti, e non aspettava altro che <nie oczekiwał niczego innego jak> una scusa <wymówka> per punirlo <punire + lo – ukarać go> un mese di fila <fila – kolejeka, rząd, un mese di fila – na cały miesiąc>.

 

Così Harry aveva colto l’occasione <cogliere l’occasione – skorzystać z okazji> durante la prima settimana di vacanza. Mentre zio Vernon, zia Petunia e Dudley erano in giardino, ad <żeby> ammirare la nuova auto aziendale <samochód służbowy>, a voce molto alta, <cong. imperf> in modo che si sapesse in tutto il vicinato <w całym sąsiedztwie>, Harry <trapassato> era scivolato <scivolare – ześliznąć> da basso <na dół>, aveva aperto il lucchetto del ripostiglio del sottoscala, aveva afferrato <afferrare – złapać, schwytać> rapidamente alcuni <kilka> libri, e li aveva nascosti <nascondere – ukryć> sotto il letto.

 

Fintanto ché, <tak długo jak – nie potrzebna cong. – ten sam podmiot = imperfetto>  non lasciava macchie <plamy> di inchiostro sulle lenzuola, i Dursley <cond. passato> non avrebbero mai scoperto che studiava di notte.

Oltre tutto <mimo wszystko>, Harry stava <był> particolarmente attento a evitare guai <il guaio – zmartwienie, tarapaty> con gli zii, perché erano già parecchio arrabbiati con <wściekli na> lui, a causa di una telefonata giunta <giungere (giunto) – łączyć, połączyć> una settimana prima, da un compagno di scuola.

Ron Weasley, uno dei migliori amici di Harry a Hogwarts, ha provenuto <provenire – pochodzić> da un’intera famiglia di maghi, e sapeva un sacco di cose <wiele rzeczy>, che Harry ignorava <ignorare – nie wiedzieć> , ma non <trapassato> aveva mai usato un telefono.

Per colmo di sfortuna <per il colmo do sfortuna – na domiar złego> era stato zio Vernon, a sollevare <podnieść> la cornetta <rożek, słuchawka>.

 

– Qui Vernon Dursley. Harry, che era per caso li accanto <obok>, a ha udito <udire (udito) – usłyszeć> la voce di Ron, e si sentì gelare. <zmrozić, mrozić> – PRONTO? PRONTO? MI SENTE? VORREI – PARLARE – CON – HARRY – POTTER! Ron gridava <gridare – krzyczeć> così forte, che zio Vernon e sobbalzato, <sobbalzare (sobblalzato) – podskakiwać>  e ha allontato <allontare – oddalić> il ricevitore dall’orecchio, guardandolo <gerundiom- guardando + lo – patrząc na niego> con un misto di furia e spavento. <spaventare (spaventato) – przestraszyć> – CHI PARLA? a ruggito. <ruggire (ruggito) – ryczeć> – CHI SEI? – RON WEASLEY! ha urlato Ron in risposta <w odpowiedzi>, come se <jak gdyby + conjungtivo imp>> lui, e zio Vernon si stessero parlando dagli estremi <il estremo – kranic, koniec>  opposti <przeciwstawny> di un campo di calcio. – SONO – UN – COMPAGNO – DI – SCUOLA – DI – HARRY!

 

Gli occhietti <oczka> di zio Vernon <passato remoto> rotearono  fermandosi <gerundio cz. zwrotny> su Harry, che era come inchiodato <inchiodare (inchiodato) –  przybijać> al pavimento. – QUI NON CÈ NESSUN HARRY POTTER! a ruggito <riggire – ryczeć>  tenendo <gerundio> il ricevitore più lontano possibile, come se <come se + conj.imp>  temesse <congiuntivo imperfetto>  di vederlo <veder + lo> esplodere. – NON SO DI CHE SCUOLA STAI PARLANDO <stare + gerundio> ! NON CHIAMARE MAI PIÙ! NON OSARE AVVICINARTI <avvicinare + ti> ALLA MIA FAMIGLIA! E scaraventato <scaraventare (scaraventato) – wypchnąć, wyrzucić, wywalić> via la cornetta, come se <come se + congiuntivo imperfetto> fosse un ragno velenoso <jadowity pająk>.

La sfuriata, che ne <ne = po tym wydarzeniu> ha seguito <seguire – następować> , era stata una delle peggiori in assoluto. – COME HAI OSATO DARE QUESTO NUMERO A GENTE COME – GENTE COME TE! aveva strillato <strillare (strillato) – wrzasnąć> zio Vernon, sputacchiando saliva tutt’intorno. <sputacchiare – spluwać, pluć; la saliva – ślina>

 

Ron naturalmente, ha capito  di aver messo Harry <infinito passato> nei guai <kłopot> , perché non ha richiamato <nie zadzwonił ponownie>. Nemmeno l’altra sua grande amica di Hogwarts, Hermione Granger, si era fatta viva.

Harry sospettava <podejrzewał> che Ron avesse avvertito <cong. trapassato prossimo po che> Hermione di non chiamare, che era un peccato, perché Hermione, la studentessa più brillante del loro corso, aveva genitori Babbani, sapeva perfettamente come usare un telefono, e probabilmente avrebbe avuto <cond. passato = miałaby> abbastanza buonsenso da non dire che frequentava Hogwarts.

 

Così, Harry non aveva notizie <wiadomości> dei suoi amici, da cinque lunghe settimane, e quell’estate, si stava rivelando <stare + gerundio> brutta quasi come <prawie jak> quella precedente.

Ci e stato solo un piccolissimo miglioramento: dopo aver giurato <bezokolicznik złożony> che non l’avrebbe usata <cond.passato> per spedire lettere a nessuno dei suoi amici, Harry aveva avuto <trapassato prosimo> il permesso, di lasciare libera almeno di notte la sua civetta <sowa> Edvige.

Zio Vernon aveva ceduto <cedere (ceduto, cesso) – ustąpić>  per via <z powodu> del fracasso <huk, hałas> , che Edvige faceva se restava sempre chiusa in gabbia. <klatka>

 

Harry a finito di scrivere di Guendalina la Guercia et a teso <tendere – naciągnąć, nastawić>  di nuovo l’orecchio.

Il silenzio nella casa buia <buio – ciemny> era rotto <rompere – złamać, przerwać> solo dal lontano fragoroso russare <głośne chrapanie> del suo enorme cugino Dudley. Doveva essere molto tardi. Gli occhi di Harry bruciavano <brucciare – palić> dalla stanchezza <zmęczenie>. Forse era meglio finire il tema domani notte.

Harry richiuse la boccetta, ha preso una vecchia federa, <pióro> vi infilò la torcia, la Storia della Magia, il tema, la penna e l’inchiostro, si alzò e ha nascosto il tutto sotto il letto, in uno spazio coperto da un’asse <deska> mobile.

Poi si alzò <alzarsi – podnosić się> di nuovo, si stiracchiò <stiracchiarsi – przeciagnąć się, wyprostować> e guardò la sveglia <budzik> luminosa sul comodino. <stolik nocny> Era l’una di notte. Lo stomaco di Harry ha fatto un buffo <śmieszny> sobbalzo. <sobbalzare – podskakiwać, il sobbalzo – podskok> Aveva tredici anni già da <już od> un’ora, senza saperlo. <senza sapera + lo = nie wiedząc tego>

 

Un’altra cosa strana di Harry era la scarsa <brakujący, mały> considerazione, <wzgląd, zainteresowanie> in cui a tenuto <traktować>  i suoi compleanni. Non aveva mai ricevuto un biglietto d’auguri <kartka z życzeniami> in tutta la sua vita.

I Dursley avevano completamente ignorato l’evento nei due anni passati, e non c’era motivo di credere <powodu żeby wierzyć> che si sarebbero ricordati <cond.passato> di questo. Harry a attraversato la stanza buia, oltrepassò <oltrepassare (oltrepassato) – przekroczyć, mijać> la grande gabbia vuota di Edvige, et est andato verso la finestra aperta.

 

Il s’est sporto sul davanzale <sporgersi – wychylać się>, l’aria fresca della notte era piacevole sulla faccia, dopo tutto quel tempo passato sotto le coperte. Edvige era via da due notti ormai. Harry non era preoccupato, era stata lontana da casa altrettanto a lungo prima di allora <altrettanto – tyleż, drugie tyle>, ma ha sperato che tornasse <cong. presente po che> presto.

Era l’unica creatura vivente in quella casa, che non si scomponesse <scomporre – wprowadzać nieład, rozłożyć> alla sua vista. Harry, benché <chociaż>  ancora piuttosto <raczej> piccolo, e mingherlino <chuderlawy> per la sua età, era cresciuto <crescere – rosnąć> di qualche centimetro nell’ultimo anno. <w ciągu ostatniego roku>

I suoi capelli nerissimi comunque erano quelli di sempre: ostinatamente <uparcie> in disordine, qualunque cosa facesse. <cokolwiek by się nie zrobiło>

Gli occhi dietro le lenti, erano verdi e brillanti, e sulla fronte, chiaramente visibile attraverso il ciuffo <kosmyk> c’era una sottile <cienki> cicatrice a forma di <w formie> saetta. <strzała, błyskawica>

 

Di tutte le cose insolite <insolito – nadzwyczajny> di Harry, quella cicatrice era la più straordinaria <straorinario – nadzwyczajny>.

Non era, come <nie było jak> i Dursley avevano sostenuto <trap.prosimo: sostenere – podtrzymywać, utrzymywać> per dieci anni, il segno <znak> dell’incidente d’auto in cui erano morti i genitori di Harry, perché Lily e James Potter non erano morti in un incidente.

Erano stati uccisi dal <str.bierna – zostali> più temuto <temere – bać się, temuto – bany się> stregone degli ultimi cent’anni, Voldemort. Ma Harry era scampato <przeżył> all’attacco senz’altro segno che <bez żadnego innego znaku jak tylko> quella cicatrice.

La maledizione <przekleństwo> di Voldemort, invece di ucciderlo, <uccidere + lo – zabić go> si era ritorta <ritorcere – odrócić> contro chi l’aveva scagliata <scagliare – rzucać>. Più morto che vivo, lo stregone era fuggito. <fuggire – uciekać>

In seguito, Harry si era trovato faccia a faccia con lui a Hogwarts. Nel ricordare il loro ultimo incontro, lì in piedi davanti alla finestra buia, Harry dovette ammettere di essere fortunato ad aver raggiunto il suo tredicesimo compleanno. Scrutò il cielo stellato alla ricerca di un segno di Edvige, magari di ritorno con un topo morto penzolante dal becco, in attesa di lodi. Il suo sguardo vagava assente sui tetti, così ci mise qualche secondo a capire cosa fosse ciò che gli si parò davanti agli occhi. Stagliata contro la luna d’oro, sempre più grande man mano che si avvi- cinava, c’era una grande creatura stranamente sghemba, che volava verso di lui. Harry rimase immobile a fissarla. Per un attimo esitò, la mano sulla maniglia della finestra, chiedendosi se non fosse il caso di chiuderla rapidamente. Ma poi la bizzarra creatura planò su uno dei lampioni di Privet Drive, e Harry, che finalmente aveva capito cosa fosse, fece un balzo di lato per farla passare. Dalla finestra entrarono tre gufi. Due di loro sorreggevano il terzo, che sembrava privo di sensi. Atterrarono con un morbido flump sul letto di Harry, e il gufo in mezzo, che era grosso e grigio, si rovesciò su un fianco e giacque immobile. Aveva un voluminoso pacco legato alle zampe. Harry riconobbe subito il gufo privo di sensi: si chiamava Errol, e apparteneva alla famiglia Weasley. Harry balzò subito sul letto, slegò le corde attorno alle zampe di Errol, prese il pacco e portò l’uccello nella gabbia di Edvige. Errol aprì un occhio appannato, fece un debole verso di ringraziamento e tuffò il becco nella vaschetta dell’acqua. Harry si voltò verso gli altri uccelli. Uno dei due, una grossa civetta candida, era la sua Edvige. Anche lei portava un grosso pacco, e sembrava estremamente soddisfatta di sé. Diede a Harry un colpetto affettuoso col becco mentre lui la liberava del fardello, poi volò attraverso la stanza per raggiungere Errol. Harry non riconobbe il terzo gufo, un bell’animale fulvo, ma capì all’istante da dove veniva perché, oltre a un terzo grosso pacco, portava una lettera con il sigillo di Hogwarts. Quando Harry gli prese il pacco, il gufo arruffò le piume con aria d’importanza, spalancò le ali e spiccò il volo nella notte attraverso la finestra. Harry si sedette sul letto e prese il pacco di Errol, strappò l’involucro e scoprì un regalo avvolto in carta dorata, insieme al primo biglietto d’auguri della sua vita. Con dita tremanti, aprì la busta. Ne scivolarono fuori due fogli di carta: una lettera e un ritaglio di giornale. Il ritaglio proveniva chiaramente dal quotidiano dei maghi, La Gazzetta del Profeta, perché le foto in bianco e nero erano animate. Harry lo prese, lo dispiegò e lesse: DIPENDENTE DEL MINISTERO DELLA MAGIA VINCE GROSSO PREMIO Arthur Weasley, Direttore dell’Ufficio per l’Uso Improprio dei Manufatti dei Babbani al Ministero della Magia, ha vinto il primo premio della lotteria annuale Super Galeone d’Oro della Gazzetta del Profeta. Il signor Weasley, soddisfattissimo, ha dichiarato alla Gazzetta del Profeta: – Useremo il premio per una vacanza in Egitto, dove mio figlio maggiore, Bill, lavora come Spezzaincantesimi per la Banca dei Maghi Gringott. La famiglia Weasley trascorrerà un mese in Egitto, ma tornerà in tempo per l’inizio del nuovo anno scolastico a Hogwarts, dove attualmente sono iscritti cinque dei sette ragazzi Weasley. Harry guardò la foto animata, e un gran sorriso gli si allargò in volto quando vide tutti i nove Weasley che lo salutavano agitando freneticamente un braccio, in piedi davanti a un’alta piramide. La piccola e rotondetta signora Weasley, l’alto signor Weasley, sempre più stempiato, sei figli e una figlia, tutti quanti (anche se dall’immagine in bianco e nero non si vedeva) forniti di capelli rosso fiamma. Proprio al centro della foto c’era Ron, alto e dinoccolato, con il topo Crosta sulla spalla e il braccio attorno alle spalle della sorellina Ginny. Per Harry nessuno meritava di vincere un bel mucchio d’oro più dei Weasley, che erano molto simpatici ed estremamente poveri. Prese la lettera di Ron e la aprì. Caro Harry, Buon compleanno! Senti, mi dispiace davvero per quella telefonata. Spero che i Babbani non ti abbiano strapazzato. Ho chiesto a papà, e ha detto che non dovevo urlare. È bellissimo qui in Egitto. Bill ci ha portati a vedere le tombe e non ti immagini nemmeno tutte le maledizioni che quegli antichi maghi egizi ci hanno ficcato dentro. La mamma non ha voluto che Ginny mettesse piede nell’ultima. Era piena di scheletri mutanti, di Babbani che erano riusciti a entrare e gli erano cresciute delle teste in più e roba del genere. Non ci potevo credere quando papà ha vinto il Super Galeone d’Oro della Gazzetta. Settecento galeoni! Li abbiamo spesi quasi tutti per questa vacanza, ma mi compreranno una nuova bacchetta magica per il nuovo anno scolastico. Harry ricordava fin troppo bene la circostanza in cui la vecchia bacchetta di Ron si era spezzata. Era successo quando l’auto volante con cui stavano andando a Hogwarts si era schiantata contro un albero nel cortile della scuola. Torneremo una settimana prima dell’inizio della scuola e andremo a Londra a comprare la mia bacchetta e i libri nuovi. Ci vediamo là? Non farti mettere sotto dai Babbani! Cerca di venire a Londra. Ron P.S. Percy è diventato Caposcuola. Ha ricevuto la lettera la settimana scorsa. Harry guardò di nuovo le fotografie. Percy, che frequentava il settimo e ultimo anno a Hogwarts, aveva l’aria particolarmente compiaciuta. Un nuovo distintivo d’argento scintillava sul fez che portava sopra gli occhiali cerchiati di corno. Poi Harry rivolse la sua attenzione al regalo e lo scartò. Dentro c’era quella che sembrava una trottola di vetro in miniatura. Sotto c’era un altro biglietto di Ron. Harry, questo è uno Spioscopio Tascabile. Se nei dintorni c’è qualcuno di cui non fidarsi, dovrebbe accendersi e cominciare a girare. Bill dice che è robaccia per maghi in vacanza e che non ci si può far conto, perché ieri sera ha continuato ad accendersi per tutta la cena. Ma non si era accorto che Fred e George gli avevano messo degli scarafaggi nella minestra. Ciao da Ron Harry posò lo Spioscopio Tascabile sul comodino, dove rimase fermo, in equilibrio sulla punta, a riflettere le lancette luminose della sveglia. Lo guardò con gioia per qualche secondo, poi prese il pacco portato da Edvige. Anche lì dentro c’erano un regalo incartato, un biglietto e una lettera, questa volta da parte di Hermione. Caro Harry, Ron mi ha scritto raccontandomi della sua telefonata con tuo zio Vernon. Spero che tu stia bene. Sono in vacanza in Francia al momento e non sapevo come fare a spedirti questo pacco: e se per caso lo aprivano alla frontiera? Ma poi è spuntata Edvige! Credo che volesse essere sicura che tu ricevessi qualcosa per il tuo compleanno, tanto per cambiare. Ti ho comprato questo regalo via gufo, c’era la pubblicità sulla Gazzetta del Profeta (me la faccio recapitare qui, è bello tenersi aggiornati sulle novità del mondo della magia). Hai visto la foto di Ron e della sua famiglia una settimana fa? Scommetto che sta imparando un sacco di cose, sono davvero invidiosa: i maghi dell’antico Egitto erano affascinanti. Anche qui ci sono tracce di un passato di stregoneria, comunque. Ho riscritto tutto il tema di Storia della Magia per inserire alcune delle cose che ho scoperto. Spero che non sia troppo lungo, sono due rotoli di pergamena in più di quello che ha chiesto il professor Rüf. Ron dice che sarà a Londra l’ultima settimana di vacanze. Tu ce la farai? Tua zia e tuo zio ti lasceranno venire? Spero proprio di sì. Altrimenti ci vediamo sull’Espresso di Hogwarts il primo settembre! Tua Hermione P.S. Ron dice che Percy è diventato Caposcuola. Ci scommetto che ne è felice. Ron invece non sembra troppo contento. Harry rise di nuovo, mise da parte la lettera di Hermione e prese il suo regalo. Era molto pesante. Conoscendo Hermione, era certo che fosse un grosso libro pieno di incantesimi molto difficili: e invece no. Il cuore di Harry diede un gran balzo mentre lui strappava la carta. Quello che vide fu una custodia di pelle nera, con su scritto a lettere d’argento: Kit di Manutenzione per Manici di Scopa. – Wow, Hermione! sussurrò Harry, aprendo la cerniera. C’era un grosso barattolo di Lucido per manici Extra Lusso Il Quercione, un paio di lucenti Forbici coda-ciuffi d’argento, una piccola bussola d’ottone da assicurare al manico durante i lunghi viaggi e un Manuale fai-da-te intitolato La Manutenzione dei Manici di Scopa. Oltre ai suoi amici, la cosa di Hogwarts che a Harry mancava di più era il Quidditch, lo sport più popolare del mondo della magia: altamente pericoloso, molto eccitante, si giocava su manici di scopa. Harry eccelleva nel Quidditch; era il più giovane giocatore degli ultimi cento anni. Una delle cose più preziose che Harry possedeva era la scopa da corsa Nimbus Duemila. Mise da parte l’astuccio di pelle e prese l’ultimo pacco. Riconobbe immediatamentea lo scarabocchio sulla carta marrone: era di Hagrid, il guardiacaccia di Hogwarts. Strappò il primo strato di carta e intravide qualcosa di verde, apparentemente di pelle, ma prima che finisse di scartarlo il pacchetto ebbe uno strano fremito, e il suo contenuto, qualunque cosa fosse, fece uno schiocco secco e forte, come se avesse le mascelle. Harry si sentì gelare. Sapeva che Hagrid non gli avrebbe mai spedito di proposito qualcosa di pericoloso, ma d’altra parte Hagrid aveva una percezione del pericolo ben diversa dalla media. Era famoso per aver addomesticato ragni giganti, aver comprato un malefico cane a tre teste e aver fatto entrare di nascosto uova di drago illegali nella sua capanna. Harry tastò nervosamente il pacco. L’oggetto misterioso schioccò di nuovo. Harry afferrò saldamente la lampada sul comodino e la levò alta sopra la testa, pronto a colpire. Poi afferrò con l’altra mano il resto della carta che avvolgeva il pacco e tirò. Ne uscì un libro. Harry ebbe appena il tempo di notare la bella copertina verde, con sopra inciso a lettere d’oro il titolo Il Libro Mostro dei Mostri, prima che il volume scattasse in equilibrio sul bordo dandosi alla fuga di traverso sul letto come un granchio bizzarro. – Oh oh borbottò Harry. Il libro cadde dal letto con un tonfo sordo e attraversò rapido la stanza. Harry lo seguì, guardingo. Il libro si era nascosto nello spazio buio sotto la sua scrivania. Pregando che i Dursley fossero ancora profondamente addormentati, Harry si mise a quattro zampe e si tese verso il dono. – Ahia! Il libro si chiuse di colpo sulla sua mano e poi corse via sbatacchiando, sempre di sghembo sui bordi della copertina. Harry avanzò carponi, si slanciò in avanti e cercò di appiattirlo. Dalla camera accanto giunse un grugnito sonnolento di zio Vernon. Edvige ed Errol osservarono con interesse Harry che afferrava il libro e lo stringeva saldamente fra le braccia, correva verso il cassettone e ne estraeva una cintura, che strinse attorno al curioso oggetto. Il Libro Mostro fu scosso dalla rabbia, ma non poteva più aprirsi e chiudersi di scatto. Così Harry lo gettò sul letto e prese il biglietto di Hagrid. Caro Harry, Buon compleanno! Credo che troverai questa cosa interessante per il prossimo anno. Non ti dico altro adesso. Ti dico quando ti vedo. Spero che i Babbani ti trattano bene. Stammi bene. Hagrid A Harry parve alquanto allarmante che Hagrid considerasse utile un libro mordace, ma mise il suo biglietto vicino a quelli di Ron e di Hermione, con un sorriso più largo che mai. Restava solo la lettera da Hogwarts. Notando che era più voluminosa del solito, Harry aprì la busta, estrasse il primo foglio di pergamena e lesse: Caro signor Potter, Ci pregiamo di informarla che il nuovo anno scolastico comincerà il primo settembre. L’Espresso di Hogwarts partirà dalla stazione di King’s Cross, binario nove e tre quarti, alle undici in punto. Gli studenti del terzo anno hanno il permesso di visitare il villaggio di Hogsmeade in alcuni finesettimana stabiliti. La preghiamo di restituirei l’autorizzazione allegata, firmata da un genitore o da un tutore. Allego la lista dei libri di testo per il prossimo anno. Cordialmente, Professoressa M. McGranitt Vicepreside P.S. Il professor Albus Silente si unisce a me nell’augurarti un felice compleanno, Harry. Harry estrasse l’autorizzazione e la guardò, senza più sorridere. Sarebbe stato meraviglioso poter visitare Hogsmeade nei finesettimana; sapeva che era un villaggio abitato esclusivamente da maghi, e non vi aveva mai messo piede prima. Ma come avrebbe fatto a convincere gli zii a firmare il permesso? Guardò la sveglia. Erano le due del mattino. Harry decise che avrebbe pensato a Hogsmeade al suo risveglio, tornò a letto e si sporse per cancellare un altro giorno sulla tabella che contava i giorni mancanti al suo ritorno a Hogwarts. Poi si tolse gli occhiali e si distese, a occhi aperti, fissando i tre biglietti di compleanno. Per quanto fosse un ragazzo decisamente insolito, in quel momento Harry Potter si sentì proprio come chiunque altro: felice, per la prima volta nella vita, che fosse il suo compleanno.